"Il dialetto salentino come si parla a Scorrano", di Giuseppe Presicce - Next Page: pilesci | Previous Page: pignata


 pijare


significato in italiano: pigliare, prendere, catturare, arruolare, assumere, (detto di piante) attecchire, (detto di fuoco) accendersi, (con costruzione pronominale) chiedere come compenso, sposare, comprare per sé, buscare (un ceffone, una malattia ecc.), (con il pronome neutro "la") offendersi, prendersela, aversene a male, (come verbo servile) cominciare.
etimologia: dal verbo latino "pil
āre": derubare.
note: coniugazione regolare - ausiliare "ire", anche con la costruzione pronominale.

Il termine viene anche usato in diverse locuzioni nel senso generico di "trattare in un certo modo" ricevendo determinazione da un complemento di mezzo o di modo retto dalle preposizioni "a" o "cu":



varianti:
(in altre località) pigghiare, pegghiare

esempi:

    • Lu pèrsicu pare ca ave pijatu.
      Sembra che il pesco abbia attecchito.
    • M'aggiu pijatu nnu paru de scarpe russe.
      Mi sono comprato un paio di scarpe rosse.
    • (detto) Paru cerca paru e paru pija.
      Le persone simili si cercano e si uniscono fra loro.
    • Osci aggiu pijatu cu vvau a ffore.
      Oggi ho cominciato ad andare in campagna.
    • Tie, poi, te la piji sempre!
      Tu, poi, te la prendi sempre!
       

sinonimi, generici, analoghi: ccettare, riccujire, ncignare, zziccare, pruvvitire.

contrari, antonimi, inversi: llintare, llassare, bbandunare, turnare rretu, chiantare, sburiare, scanciare.


A B C D E F G I J L M N O P Q R S T U V Z



"Il dialetto salentino come si parla a Scorrano", di Giuseppe Presicce - Next Page: pilesci | Previous Page: pignata


Notebook exported on Monday, 18 April 2011, 21:42:44 PM ora legale Europa Occidentale