"Il dialetto salentino come si parla a Scorrano",  di Giuseppe Presicce -  Next Page: linterna | Previous Page: ṭristu


 fiaccu


significato in italiano: (detto di cose) non buono, cattivo, scarto, non di qualitÓ, (detto di persona) ingeneroso, di pessimo carattere, malvagio, (con valore avverbiale) in cattiva condizione, in cattivo stato di salute, in fin di vita.
etimologia: dall'aggettivo latino "flaccu(m)": floscio, cascante.

note: usato come complemento predicativo, svolge la funzione di locuzione avverbiale (male).

Modi di dire:

 

 

 

 

 

 


esempi:

    • Cce ssi fiaccu!
      Quanto sei cattivo! (detto in tono scherzoso).
    • "Comu sciamu?" - "Fiacchi!"
      "Come va?" - "Male!"
    • Sta mme sentu fiaccu.
      Non mi sto sentendo bene.
    • Dice ca stave fiaccu.
      Si dice che sia in fin di vita.
    • Facisti fiaccu cu lli dici la veritÓ.
      Facesti male a dirgli la veritÓ.
    • M'aggiu fattu fiaccu cu cumpÓrima.
      Ho bisticciato con il mio compare.

sinonimi o termini collegati: ṭristu, malecarne, scartu, ndegnu.

contrari: bbonu, brau, degnu, raru, speciale, preggiatu.


A B C D E F G I J L M N O P Q R S T U V Z



"Il dialetto salentino come si parla a Scorrano",  di Giuseppe Presicce -  Next Page: linterna | Previous Page: ṭristu


Notebook exported on Thursday, 11 August 2011, 17:50:39 PM ora legale Europa Occidentale