"Il dialetto salentino come si parla a Scorrano", di Giuseppe Presicce - Next Page: èssere | Previous Page: èpuca


 ire


significato in italiano: avere, dovere.
etimologia: dal verbo latino "hab
ēre", attraverso i seguenti passaggi: "abire", "avire", "aire", "ire".
note: come nella lingua italiana, il verbo funge anche da ausiliare. Con tale funzione esso ha un uso molto più diffuso che in italiano rispetto al verbo "essere", essendo usato, oltre che nella forma attiva dei verbi transitivi, anche con i riflessivi e con i verbi pronominali in genere (indiretti, reciproci, intransitivi). Ancora più diffuso in altre aree, come la zona di Lecce, dove viene usato anche con i verbi intransitivi.

    • indicativo presente: aggiu, ai, ave (oppure "a"), imu, iti, annu
    • indicativo imperfetto: ìa, ivi, ìa, ìune, ìuve, ìune.
      Nella funzione di ausiliare e con il significato di "dovere", l'imperfetto ha forme alternative, in tutto e per tutto uguali a quelle del verbo "essere": era, eri, era, èrane (èrene, èrine), èrave (èreve, èrive), èrane (èrene, èrine)
    • passato remoto: ippi, isti, ippe (ìu), imme, ìstive, ìppera
    • congiuntivo presente: aggiu, aggi, aggia, imu, iti, àggiane
    • imperativo: aggi, iti
    • gerundio: avennu
    • participio passato: utu
    • nell'infinito, se preceduto da un'altra voce dello stesso verbo usata con il significato di "dovere", si tende ad usare la forma "bbire": per es."ave bbire" (deve avere), "ave utu bbire" (deve aver avuto).

varianti: bbire, (in altre località) aire

esempi:

    • Crai aggiu šcire a Lecce.
      Domani devo andare a Lecce.
    • Aggi pace!
      Che tu abbia la pace! (formula di cortesia rivolta ad un frate questuante nell'esimersi dall'obolo)
    • Ci cu nu nn'aggia mai bbene!
      Che non abbia mai bene!
    • M'aggiu pintutu ca su vvinutu.
      Mi son pentito di essere venuto.
    • Jeu te l'era (te l'ia) dittu, ma tie nu mm'ai critutu.
      Io te l'avevo detto, ma tu non mi hai creduto.
    • Jeri erane šcire a mmare, ma nu ssu statu bbonu.
      Ieri saremmo dovuti andare al mare, ma non sono stato bene.

sinonimi, generici, analoghi: tinire, tuccare, ricevire.

contrari, antonimi, inversi:dare.


A B C D E F G I J L M N O P Q R S T U V Z



"Il dialetto salentino come si parla a Scorrano", di Giuseppe Presicce - Next Page: èssere | Previous Page: èpuca


Notebook exported on Sunday, 2 October 2011, 16:47:37 PM ora legale Europa Occidentale