"Il dialetto salentino come si parla a Scorrano", di Giuseppe Presicce - - Next Page: nasca | Previous Page: Nandu


 nanti


significato in italiano: (avverbio e preposizione di luogo) davanti, nei pressi; (avverbio di tempo, preceduto da "cchiù") in seguito, più in là; (congiunzione temporale) prima che; (sostantivo)il davanti, la parte anteriore.
etimologia: dal latino "àntea", prima.
note: il termine, con le sue varianti ("nanzi", "nnanti", "nnanzi", "annanti", "annanzi"), nei complementi di stato in luogo viene usato con o senza le preposizione "a".

Preceduto dalla preposizione "de" ("de nanti") assume valore avverbiale o aggettivale con i significati:
- "nella parte anteriore",
- "in posizione anteriore"
- (in contrapposizione a "de retu") "in presenza della persona interessata" per indicare un comportamento ambiguo e poco leale.
Può, inoltre, reggere una proposizione temporale sia direttamente che insieme alla congiunzione "cu".


varianti: vedi sopra.

esempi:

    • L'aggiu vistu nanti la chiesia.
      L'ho visto nei pressi della chiesa.
    • Nanti (cu) vegna iḍḍu, vau jeu.
      Prima che venga lui, vado io.
    • Jeu me ssettu de nanti.
      Io mi seggo al sedile anteriore.
    • Ne vitimu cchiù nnanti.
      Ci vedremo più in là.

sinonimi o termini collegati: de costi, ffiancu, rripatu, rripa, dopu, poi.

contrari: rretu.


A B C D E F G I J L M N O P Q R S T U V Z



"Il dialetto salentino come si parla a Scorrano", di Giuseppe Presicce - - Next Page: nasca | Previous Page: Nandu


Notebook exported on Monday, 19 September 2011, 21:55:00 PM ora legale Europa Occidentale