"Il dialetto salentino come si parla a Scorrano", di Giuseppe Presicce - - Next Page: mmersu 2 | Previous Page: tortu 1


 musu


significato in italiano: muso; broncio; bordo di un recipiente.
etimologia: dal tardo latino "musu(m)".
note: il termine entra, come primo elemento, in numerosi composti con valore di aggettivi sostantivati, dal significato spesso traslato, come:

    • "musitortu": persona dal muso storto, come espressione di costante disapprovazione;
    • "musicrossu": dalle labbra eccessivamente grandi;
    • "musimmuttatu" (da "musu" e "mmuttatu"): detto di chi tutto giudica attraverso l'espressione delle labbra, senza avere il coraggio di manifestare apertamente il proprio pensiero.
      E' usato, inoltre, in diversi modi di dire, come:
    • "rumpire li musi", nella forma attiva: "riempire di botte", nella forma pronominale: "concedersi, accettare un rapporto sessuale";
    • "mintire lu musu": mostrarsi imbronciato;
    • "sturcire lu musu" o "rrignare lu musu": storcere il labbro in senso di disapprovazione;
    • "lliccare li musi": (con costruzione pronominale) leccarsi le labbra, provare piacere nel gustare un cibo;
    • "cusire li musi": tenere la bocca chiusa per non dire qualcosa di spiacevole.

esempi:

    • S'ave ruttu lu musu de lu bicchieri.
      Si rotto il bordo del bicchiere.
    • Vave sempre cu lli musi pittati, puru quannu dorme.
      Ha sempre le labbra dipinte, pure quando dorme.
    • L' piaciutu cu sse rumpe li musi cu nnu spusatu? Mo cu sse rrancia!
      Le piaciuto concedersi ad una persona sposata? Ora si arrangi!


                                        IL CARTACEO

                                         


A B C D E F G I J L M N O P Q R S T U V Z



"Il dialetto salentino come si parla a Scorrano", di Giuseppe Presicce - - Next Page: mmersu 2 | Previous Page: tortu 1


Notebook exported on Saturday, 3 September 2011, 18:08:31 PM ora legale Europa Occidentale