"Il dialetto salentino come si parla a Scorrano", di Giuseppe Presicce - Next Page: mericanu | Previous Page: menza


 menźu


significato in italiano: (aggettivo) mezzo, (sostantivo) metÓ, centro.
etimologia: dal latino "med
ĭu(m)", stessi significati.
note: con l'affricata alveolare sonora. Il termine, come aggettivo, entra in diverse espressioni di carattere dispregiativo ("menźa m˛nica", "menźa rýcchia"), o attenuativo ("menźu mortu", "menźu fessa"); come sostantivo, preceduto o meno dalla preposizione "a" ("a mmenźu" oppure "mmenźu"), assume la funzione di locuzione avverbiale o prepositiva.


esempi:

    • Damme menźa pezza de casu.
      Dammi metÓ forma di formaggio.
    • A ttie te piace sempre cu tte minti a mmenźu!
      A te piace sempre immischiarti nei fatti altrui! (oppure: metterti in mostra)
    • Ne ṭruvamu stasira a mmenźu (a) lla chiazza.
      Ci troveremo stasera in piazza.
    • M'ave lassatu mmenźu na via.
      Mi ha lasciato in mezzo a una strada.

sinonimi, generici, analoghi: cenṭru.

contrari, antonimi, inversi: a lla ripa, rripa, sanu.

                                        IL CARTACEO

                                         


A B C D E F G I J L M N O P Q R S T U V Z



"Il dialetto salentino come si parla a Scorrano", di Giuseppe Presicce - Next Page: mericanu | Previous Page: menza


Notebook exported on Monday, 18 April 2011, 21:42:44 PM ora legale Europa Occidentale