"Il dialetto salentino come si parla a Scorrano", di Giuseppe Presicce - Next Page: cuḍḍaru | Previous Page: Cuc¨mmula


 cuḍḍare


significato in italiano: sentire la voglia, il desiderio, la disposizione d'animo.
etimologia: il Rohlfs (op. cit., sub voce), mettendo il termine in relazione con il calabrese "cullare" o "coḍḍare", ne dÓ, sul piano letterale, questa spiegazione: "far passare per il collo" e, quindi, "inghiottire". Noi pensiamo, invece, che il suo etimo vada cercato in "coḍḍa": colla, come metafora di "attrattiva", "sentimento che lega a qualcosa".
note:
con l'occlusiva retroflessa sonora - verbo pluritematico - ausiliare "ire".
Il verbo Ŕ sempre usato impersonalmente con, ma anche senza, la congiunzione "cu" e l'indicativo presente.

    • indicativo presente: "coḍḍa";
    • in tutti gli altri modi e tempi le voci si formano esclusivamente dal tema "cuḍḍ-".

esempi:

    • Stasira nu me coḍḍa proriu cu essu.
      Questa sera non ho proprio voglia di uscire.

sinonimi, generici, analoghi: sýggere, ndurare, sintire.

contrari, antonimi, inversi: ncriÜcire.

                                        IL CARTACEO

                                         


A B C D E F G I J L M N O P Q R S T U V Z



"Il dialetto salentino come si parla a Scorrano", di Giuseppe Presicce - Next Page: cuḍḍaru | Previous Page: Cuc¨mmula


Notebook exported on Monday, 18 April 2011, 21:42:44 PM ora legale Europa Occidentale