"Il dialetto salentino come si parla a Scorrano",  di Giuseppe Presicce -  Next Page: ca 3 | Previous Page: dèbbitu


 de


significato in italiano: (preposizione) di, da.
etimologia: dalla preposizione latina "de".
note: Il termine può assumere le seguenti funzioni:

    • reggere un complemento di specificazione: "lu rusciu de lu mare": il rumore del mare
    • stabilire un rapporto di possesso o appartenenza: "la màchina de fijuma": l'auto di mio figlio
    • introdurre il secondo termine di paragone dopo un comparativo di maggioranza o di minoranza: "ete cchiù bbeḍḍu de lu sule": è più bello del sole
    • reggere un complemento partitivo dopo un superlativo relativo o un termine indicante quantità o numero o una parte indefinita: "lu cchiù bbeḍḍu de tutti": il più bello di tutti, "nnu chilu de pane": un chilo di pane
    • introdurre un complemento di moto da luogo o di provenienza, di limitazione, di argomento, di modo o maniera, di tempo: "sta vvegnu de Lecce": sto venendo da Lecce, "stau sguariatu de capu": sono distratto, "de cce sta ccuntati?": di cosa state parlando?, "sta vvau de pressa": vado di fretta, "de jernu face mutu friddu": in inverno fa molto freddo
    • reggere un infinito con valore di proposizione relativa passiva: "nu ttegnu fije de spusare": non ho figlie da sposare.

varianti: te

sinonimi o termini collegati: ca.


A B C D E F G I J L M N O P Q R S T U V Z



"Il dialetto salentino come si parla a Scorrano",  di Giuseppe Presicce -   Next Page: ca 3 | Previous Page: dèbbitu


Notebook exported on Thursday, 11 August 2011, 17: 50: 39 PM ora legale Europa Occidentale