IL VERBO


VERBI BITEMATICI


Nella flessione dei verbi che abbiamo definito sovrabbondanti troviamo voci ascrivibili alcune alla prima delle due forme, altre alla seconda. Tale caratteristica rientra, però, in un fenomeno più vasto. Per un numero consistente di verbi, di qualunque coniugazione, si tende, infatti, a sostituire la vocale chiusa “i” od “u”, presente nell'ultima sillaba del tema, rispettivamente con la “e” e con la “o” in tutte le voci rizotoniche, quelle, cioè, in cui l'accento cade sulla sillaba radicale che la contiene. Di fatto, ciò si verifica:

  • nelle tre persone singolari e nella terza plurale dell'indicativo e del congiuntivo presenti,

  • nella seconda persona singolare dell'imperativo .

Nelle forme rizoatone, quelle, ossia, in cui l'accento cade su una sillaba della desinenza, si ripristina la vocale chiusa.

 

esempi

spènnere” o “spinnìre” = spendere

indicativo presente: spennu, spenni, spenne, spinnimu, spinniti, spènnene

indicativo imperfetto: spinnìa, spinnivi, spinnìa, spinnìune, spinnìuve, spinnìune

indicativo passato remoto: spisi, spinnisti, spise, spinnimme, spinnìstive, spisera

imperativo: spenni, spinnìti

congiuntivo presente: cu spennu, cu spenni, cu spenna, cu spinnimu, cu spinniti, cu spènnane.



ccunzare” = riparare

indicativo presente: cconzu, cconzi, cconza, ccunzamu, ccunzati, ccònzane

ndicativo imperfetto: ccunzava, ccunzavi, ccunzava, ccunzaune, ccunzauve, ccunzaune

imperativo: cconza, ccunzati.



Torna all'indice

Vai al vocabolario