LE PREPOSIZIONI IMPROPRIE


Sono dette preposizioni improprie quelle voci appartenenti ad altre parti del discorso (aggettivi, participi presenti, avverbi) usate con funzione propositiva. Esse si uniscono al sostantivo o solo o preceduto dall'articolo e spesso entrano in congiunzione con altra preposizione, formando, cosž, una locuzione prepositiva.

 

PREPOSIZIONE LOCUZIONE PREPOSITIVA ESEMPI

ITALIANO

SALENTINO  

 

vicino vicinu vicinu a

vicinu casa mia, vicinu a ccasa mia, vicinu a lla casa mia

lontano luntanu luntanu de

luntanu de casa, luntanu de lu paese

rasente rasente rasente a

rasente lu parite, rasente a llu parite

raso rasu rasu a

rasu terra, rasu a llu parite

davanti nanti (nanzi) nanti a, de nanti  a

nanti ccasa, nanti a lla chiazza, de nanti a lla chesia

dietro retu (rretu) retu a, de retu a

retu lu sciardinu, retu a llu furnu, de retu a lla puteca

fuori fore fore de

fore casa, fore de capu, fore de la stazzione

in, dentro inṭra inṭra a

inṭra ccasa, inṭra a lla chisura

prima prima prima de

prima de sŗbbitu, prima de la Cannilora

dopo dopu dopu de

dopu Natale, dopu la missa, dopu de crai

sopra susu susu a susu ccasa, susu lla loggia, susu a lla taula
sotto sutta sutta a

sutta terra, sutta lla scala, sutta a lla cantina

insieme nzieme nzieme a nzieme ttie, nzieme a mujŤrima, nzieme a llu Totu
in compagnia di ccumpagnža ccumpagnža de, ccumpagnža a

ccumpagnža de sÚrita, ccumpagnža all'amici


Torna all'indice

Vai al vocabolario