ALCUNE CARATTERISTICHE FONETICHE


occlusiva retroflessa sonora

Esempi: aḍḍu – caḍḍu

Per la pronunzia, cliccare sulla freccia accanto


r

occlusiva retroflessa sorda

Esempi: ṭravaju - ṭrozzula

Per la pronunzia, cliccare sulla freccia accanto



z

La consonante è presente nel dialetto salentino, come nell'italiano, sia con suono sordo ("z") che con suono sonoro ("ź").

Esempi di “z” sorda: zzappa – zzòcculu

Per la pronunzia, cliccare sulla freccia accanto



Esempi di “ź” sonora: źźare – źźangune

Per la pronunzia, cliccare sulla freccia accanto



sc

Il fonema è presente nel dialetto salentino in due varianti, molto spesso con valore distintivo:

  1. analogamente all'italiano, come fricativa postalveolare sorda di grado doppia (graficamente "c")

  2.  come fricativa postalveolare sorda di grado semplice (graficamente "sc")

N.B. la pronunzia di uno stesso termine pu variare, con la prevalenza della doppia sulla semplice, per effetto di quella che abbiamo definito "contestualizzazione fonetica".

Esempi di fricativa postalveolare sorda di grado doppia: cacia (cassa) – vacia (bassa)

Per la pronunzia, cliccare sulla freccia accanto



Esempi  di fricativa postalveolare sorda di grado semplice: càscia (che cada) – vascia (che vada)

Per la pronunzia, cliccare sulla freccia accanto




Torna all'indice

Vai al vocabolario